L'arrivo dell'estate e del caldo espone i nostri cani al pericoloso fenomeno del colpo di calore. Come sappiamo i nostri amici non hanno ghiandole sudorifere sul modello di quelle degli essere umani che possano contribuire a regolare la temperatura corporea e sono particolarmente a rischio con l'arrivo delle alte temperature. Naturalmente è nostra cura non lasciare il cane esposto alla sole e men che mai chiuderlo in auto, neanche con il classico finestrino aperto.


COME MI ACCORGO CHE IL MIO CANE HA UN COLPO DI CALORE ?


Il primo segnale che deve farci scattare il campanello d'allarme è il respiro affannoso accompagnato da tachicardia, specialmente in presenza di ripetuti attacchi di vomito. Il colpo di calore può inoltre portare anche episodi di diarrea: il cane quindi non riesce più a controllare i propri orifizi.

Gengive troppo chiare e troppo scure sono un'altra spia importante anche se meno evidente. La salivazione tende a diminuire e la bocca e la lingua del cane sarà ricoperta di una patina bianca. In casi particolarmente gravi il cane si troverà in stato di incoscienza e sverrà, con la possibilità di violente convulsioni.


RIMEDI AL COLPO DI CALORE


Naturalmente la prima cosa da fare è portare il cane in un luogo fresco con una ciotola di acqua a disposizione. Ricordate sempre che esemplari vittime di colpi di calore avranno una forte sete che li porterà a bere con talmente tanta foga da poter soffocare: quindi date l'acqua poco per volta.  Se possibile bagnatelo, senza immergere il cane e senza usare acqua molto fredda: un calo repentino della temperatura potrebbe essere fatale. Inoltre finché l'esemplare vittima di un colpo di calore non si sarà completamente ristabilito non deve svolgere alcuna attività fisica.
È sempre fortemente consigliabile portare il cane con urgenza in una struttura veterinaria, dove sarà possibile valutare con precisione il quadro clinico e reidratare l'esemplare con soluzioni fisiologiche