Tritoni e salamandre sono ospiti non molto diffusi negli acquari domestici ma che per gli appassionati possono rappresentare una valida alternativa ai soliti pesci d'acqua dolce.

Parliamo di alternativa perché anche in questo caso vale la regola per cui pesci e anfibi difficilmente coabitano nello stesso ambiente: le metodologie di allevamento e le esigenze degli esemplari sono così diverse che risulta difficile coniugare le diverse esigenze.

COME ALLEVARE I TRITONI

I tritoni richiedono acqua relativamente fredda (tra i 10° e i 20°), in un acquario che possa contenere più di 30 lt di acqua, così da poterlo accoglierli anche da adulti e dove possano avere spazio a sufficienza. È importante che il loro habitat contenga una parte asciutta, nel rapporto con l'acqua di circa uno a tre. La parte asciutta deve essere artificiale o naturale, in questo secondo caso va pulita e sterilizzata prima di essere immessa nell'acquario. Un filtro è consigliato di piccole dimensioni per non generare troppe correnti e l'acqua non deve essere superiori ai 20 gradi. Nel caso non si utilizzi un filtro l'acqua va cambiata di 1/4 ogni settimana, in caso contrario ogni 2/3 settimane.
I tritoni sono ottimi fuggitivi: si arrampicano dove non credereste mai e tendono ad allontanarsi dall'ambiente che li ospita. È quindi altamente consigliabile una copertura al vostro acquario !
I tritoni amano potersi rifugiare in piccoli anfratti, come accade in natura, e una piccola tana va prevista. È sufficiente anche un piccolo incavo tra gli elementi dell'acquario, sempre con una parte bagnata e una asciutta. Per gli arredi dell'acquario tenete conto che devono essere posizionati in modo che l'animale, arrampicandovici, non rimanda schiacciato da eventuali movimenti degli arredi.

COME NUTRIRE UN TRITONE

Talvolta i tritoni si adattano con difficoltà al cibo secco, quindi risultano più indicate le larve di zanzare, sicuramente molto  più gradite e da affiancare ad altri mangimi artificiali, fino a che questi non vengano accettati.