My Pet Store
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Il blog di My Pet

Il blog di My Pet > Tartarughine d'acqua dolce: consigli per un corretto habitat

Tartarughine d'acqua dolce: consigli per un corretto habitat

Share on Facebook
Tweet
Nell’allestire un acquaterrario per tartarughe bisogna in primo luogo partire da una premessa: l'esempare che compriamo (visita la pagina di mypetstore.it dove potrai acquistare esemplari in perfetta salute e provenienti da allevamenti riconosciuti) è neonata e le sue dimensioni da adulta aumenteranno considerevolmente. Bisogna quindi considerare che un esemplare che da adulto raggiungerà 12 cm sarà gestibile in modo completamente diverso da uno che raggiunge i 25/30 cm, a partire dalla vasca in cui sarà occupato. Ogni specie ha un suo diverso percorso di crescita, ti consigliamo di rivolgerti allo staff di My Pet Store per le informazioni del caso.

Un habitat corretto dovrà prevedere una zona emersa e una sommersa, senza commettere lo sbaglio di non prevedere la prima e avendo cura che questa sia facilmente accessibile. Fattore fondamentale per la salute e la sopravvivenza dell’esemplare sarà in primo luogo un riscaldatore elettrico per l’acqua: sotto una certa temperatura (quella ideale oscilla tra i 22° e i 24°) infatti il metabolismo degli esemplari comincia a rallentare portando all’inedia e inoltre l’esemplare andrà incontro a colpi di freddo e probabilmente si ammalerà.

Ugualmente importante, e spesso sottovalutata, è la presenza di una fonte di luce con raggi UVA e UVB. Una tartaruga per il corretto metabolismo e per poter assimilare il calcio ha bisogno di luce solare o di una esposizione artificiale equivalente: spia più evidente di mancanza di ciò sarà un carapace molle e con una crescita lenta e irregolare. È importante ricordare che il vetro filtra questi due raggi quindi strutture posizionate dietro i vetri delle nostre abitazioni o esse stesse in vetro vanificheranno i benefici della luce solare. Terzo componente per l’allestimento di un habitat sano sarà un filtro, adeguato alle dimensioni della struttura, che garantirà pulizia e ossigenazione dell’acqua.

Naturalmente ci sono molti altri accorgimenti per migliore la vita delle tartarughine, dai punti di calore a lampade che simulano la luce lunare e non far piombare la struttura nel buio totale, ma in primo luogo si deve partire da quelli qui consigliati.

Circa lo spazio da riservare agli esemplari si deve tenere presente che in natura le tartarughe percorrono, pur alla loro velocità, anche considerevoli distanze e che si dovrebbe garantire loro la possibilità di fare adeguato moto con una struttura adeguata.

Molti esemplari baby muoiono entro il primo anno di vita praticamente di stenti, con questi accorgimenti e una dieta equilibrata una tartaruga potrà avere una vita lunga decenni.

My Pet Store, la catena dei negozi per animali di Roma, ricorda sempre di acquistare in modo consapevole e scegliere habitat e relativi accessori insieme al nostro staff, così da poter coniugare le esigenze degli esemplari e quelli dei padroni.

Controlla sul nostro sito l’arrivo delle diverse specie.






Il blog di My Pet > Ultimi arrivi nel nostro reparto di acquariologia

Ultimi arrivi nel nostro reparto di acquariologia

Testa di Leone, Pesce Panda, Bubble Eye.

Share on Facebook
Tweet
Sono in arrivo nel nostro reparto di acquariologia tre particolarissime specie di pesce d'acqua dolce:

Testa di Leone (mutamento del più comune carassius auratus )

Bubble Eye (Carassio Occhi a Bolla d'acqua)

Pesce panda (Corydoras panda)

Il pesce Testa di Leone, variazione del più comune pesce rosso, è noto per una escrescenza cerebrale sulla testa, frutto di incroci iniziati fin dal XVI sec. Questa crescita cerebrale comincia a svilupparsi quando i pesci sono intorno all’età di 4 mesi. La crescita dovrebbe essere pienamente sviluppata quando l’esemplare ha circa due anni, anche se talvolta il processo termina più tardi. Questa escrescenza è chiamata anche cappuccio, la cui crescita può arrivare a ostacolare la stessa vista degli esemplari.

Gli oranda testa di leone sono pesci della famiglia dei carassius auratus originariamente allevati in Cina come la maggior parte delle razze di pesci rossi (anche se alcune sono state sviluppate in Giappone). I cinesi lo chiamano anche “fiore dell’acqua” a causa del nuoto grazioso e del loro aspetto fisico.

Il pesce Panda, corydoras panda, hanno il corpo chiaro con una macchia nera dagli occhi, uno spot nero sulla pinna dorsale e un altro vicino alla base della pinna caudale. Soprattutto la prima delle caratteristiche elencate le da il nome del più famoso mammifero.

Le spine della pinna dorsale sono rigide e sono in grado di perforare la pelle umana, quindi cui deve essere usata molta cautela quando si maneggiano. Questa specie un lieve dimorfismo sessuale: le femmine appaiono lievemente più tozze, inoltre presentano la pinna dorsale arrotondata a differenza dei maschi nei quali appare leggermente appuntita.

Il pesce Bubble Eye, o Carassio Occhi a Bolla d'Acqua, è una specie originaria della cena Cina, probabilmente da inizio XX, e derivato da incroci selettivi del pesce Celestial da cui ha ereditato probabilmente anche la mancanza di pinna dorsale. Questa specie presenta occhi sporgenti e iride rivolta verso l'alto, ma con presenza di sacche di fluido nella parte inferiore. Come il Demekin ed il Celestial, gli occhi sono posizionati normalmente ma dopo qualche mese cominciano ad estroflettersi e le sacche a gonfiarsi. La qualità dell'acqua contribuisce molto alla bellezza della specie, in quanto il fluido che rigonfia la parte anteriore del pesce può divenire opaco.

Il blog di My Pet > Il Chihuahua

Il Chihuahua

Storia e caratteristiche

Share on Facebook
Tweet
Quella del chihuahua è una razza di cani, la più piccola al mondo, originaria dello stato messicano da cui prende il nome. Le sue origini si perdono nei secoli addietro, quando era associato ai riti religiosi delle locali culture. A partire dal XVIII secolo esemplari si diffusero anche in Europa e da allora questa particolarissima specie è entrata nel nostro immaginario come il cane di piccola taglia per eccellenza.

CARATTERISTICHE FISICHE

Il cranio, ben proporzionato, ha una tipica forma tondeggiante che ricorda quella di una mela. Da qui si stagliano le orecchie: grandi, erette e che si assottigliano verso la punta. Gli occhi sono tondi e leggermente sporgenti.

Compatto e ben costruito, con una linea superiore diritta, ha il dorso corto e saldo, le reni molto muscolose, la groppa ampia e forte. Nel chihuahua l’altezza al garrese è tra i 15 e i 23 cm. Il portamento della coda è una caratteristica importante della razza: in azione è portata alta e deve formare una curva o un semicerchio, con l’estremità diretta verso la regione lombare, contribuendo all’armonia dell’insieme. Il peso è tra 1 e 3 kg.

Sono ammesse due tipologie di pelo, corto e lungo, che non pregiudicano la possibilità del beneficiare dell’attestazione di pedigree. Stessa cosa per il colore del mantello, anche se nel chihuahua prevalgono le sfumature di marrone con tratti di differente colore sul petto.



CARATTERE

Il chihuahua ha un carattere molto vigile, attivo e a dispetto delle sue dimensioni inaspettatamente coraggioso. Seppur socievole con tutta la sua famiglia, non sempre con gli estranei, tende a legarsi in particolar modo a uno o due suoi membri. Vive senza problemi in appartamento e, se abituato da cucciolo, potrà coesistere senza attriti con gatti o altri animali domestici, che saranno associati a membri del suo branco. Ama la compagnia e cercherà sempre un contatto costante con la sua famiglia o con altri cani: tuttavia non soffrirà se lasciato solo durante il giorno.

L’aggressività dei chihuahua è più una legenda che una loro caratteristica peculiare: il loro abbaiare è conseguenza del forte istinto di protezione nei confronti dei loro padroni e di difesa del territorio, nulla di più. Naturalmente vige la regola valida per ogni razza: l’aggressività si un esemplare è quasi sempre data da un’educazione sbagliata, o più spesso una non educazione, data dal padrone.

SALUTE

Il chihuahua è un cane molto delicato e soggetto a talune patologie insite alla razza, soprattutto di ordine articolare o osseo. Non sono rare displasia della rotula, come del resto in tutti i cani di piccola taglia, ai legamenti del ginocchio e una particolare fragilità ossea sulla nuca, caso in cui eventuali colpi ricevuti in quella sona possono risultare estremamente pericolose. Atrofia progressiva della retina nel Chihuahua può verificarsi con incidenza statisticamente superiore rispetto ad altre razze: questa è una malattia degenerativa che una volta manifestata porterà gradualmente alla cecità dell’esemplare.

Controlla sul nostro sito l’arrivo delle nuove cucciolate, con o senza pedigree.





Il blog di My Pet > Il Carlino

Il Carlino

Storia e caratteristiche

Share on Facebook
Tweet
Il Carlino vanta una storia millenaria sconosciuta ai più, testimonianze della sua diffusione presso i ceti più abbienti si hanno fin dal ‘400 ac, prima in Cina e dal XVII sec. anche in Europa. Proprio nel nostro continente e in primo luogo in Inghilterra e Paesi bassi, divenne il cane preferito delle corti, probabilmente per il suo aspetto così differente dalle altre razze canine e per le sue piccole dimensioni.

Aspetto fisico

Il Carlino è classificato come molossoide, evidentemente per la sua struttura più che per la sua grandezza. Questa razza è taglia brachicefela, ovvero col muso schiacciato , presenta un aspetto piuttosto robusto e compatto ed è solita muoversi con le gambe parallele e una falcata quasi dondolante Il mantello è corto, liscio, morbido e lucente. Le pigmentazioni più comuni sono colore argento, albicocca, fulvo, nero. Presenti, ma più rari, sono gli esemplari castani, cioccolato, striati o tigrati. La razza è soggetta ad albinismo, solitamente accompagnato da una salute più precaria.
Presenta un’altezza al garrese di 30-33 cm e il suo peso ideale è di circa 8 Kg. Il muso spicca oltre che i bulbi oculari molto sporgenti per una “mascherina” nera che lo rende inconfondibile, accompagnate da rughe molto marcate. Il naso, schiacciato, è continuamente bagnato dalla lingua, spesso adagiata su di esso. Le orecchie, piccole e nere, risultano ben proporzionato al resto della testa.
La coda è alta, arricciata e può presentare due riccioli.

Carattere

Il Carlino è un cane tipicamente vocato alla vita di appartamento, dove non soffrirà, e instaura un rapporto molto stretto con il suo padrone. Per i primi due anni i cuccioli saranno quasi iperattivi poi, dal terzo in poi, tenderanno ad impigrirsi. Per questo l’alimentazione dovrà andare di pari passo, per evitare un facile aumento di peso.
Anche con gli estranei è affettuoso e tende a dare confidenza senza troppe remore. Dotato di un carattere forte spesso sottovalutato, è un cane di compagnia, ama giocare, pur senza essere un cane particolarmente attivo. Anche per questo, non richiedendo e non amando lunghe passeggiate, è solitamente indicato per padroni anziani.

Salute

I carlini hanno una respirazione difficoltosa, simile a quella del bulldog, per via del muso schiacciato. Ciò li rende più sensibili ai colpi di calore, bisogna sempre prestare attenzione a questa loro ipersensibilità al calore. Anche le rughe sul muso vanno pulite con cura, altrimenti saranno soggette a dermatiti. Non sono rari problemi cardiaci, soprattutto in caso di esemplari non proveniente da allevamenti selezionati con alle spalle generazioni di lavoro sulla razza. Anche gli occhi vanno puliti a scadenze regolari.

Controlla sul nostro sito l’arrivo delle nuove cucciolate, con o senza pedigree.





Il blog di My Pet > Il Cocker Spaniel Inglese

Il Cocker Spaniel Inglese

Storia e caratteristiche

Share on Facebook
Tweet
Il Cocker Spaniel inglese nasce come cane da caccia, selezionato nell’Inghilterra del 19° secolo, e come tale è classificato dagli organismi internazionali.
Gradualmente il suo impiego sul “campo”, come infallibile alleato nella caccia ai volatili, è venuto meno diventando una delle razze più apprezzate per la vita in famiglia.

Aspetto fisico

Il Cocker spaniel inglese può essere inserito in un rettangolo immaginario; egli infatti ha un tronco piuttosto lungo, ma proporzionato rispetto al resto del corpo.
Gli occhi sono ben visibili pur senza essere non sporgenti e per rispettare lo standard della razza standard devono essere scuri. Una delle caratteristiche più evidenti di questa razza sono le orecchie, che pendono sui lati del viso del cane, sono ricoperte da una leggera peluria e conferiscono al cane il suo aspetto caratteristico
Il pelo è lungo ed il peso nei maschi non deve superare i 15 kg mentre nelle femmine deve essere 13 kg. L’altezza al garrese è di 41 cm per i maschi e 38 per le femmine.
La coda conferisce un aspetto molto elegante, anche se talvolta non è presente perché anche questa razza non è esente dal fenomeno della mozzatura. La coda peraltro è sempre in movimento, durante tutte le attività svolte.
Il Cocker spaniel inglese ha il manto monocolore di solito, di un colore scuro; tuttavia sono ammessi senza perdita del pedigree anche cocker bicolori, purché il colore chiaro caratterizzi solo la parte inferiore della pancia.


Carattere

Il Cocker spaniel inglese è un cane perfettamente adatto alla vita in famiglia e con le normale accortezze relative alle uscite per i bisogni e la normale e consigliata attività fisica può vivere anche in appartamento. Estremamente gioioso e vitale, ha una marcata propensione al gioco. Molto intelligente si farà addestrare con facilità: tuttavia è anche molto sensibile e nel relazionarsi con lui bisogna tener conto di questa caratteristica. Si presta all’essere a contatto con i bambini anche se in caso di eccessivo contatto fisico e dei classici amorevoli “maltrattamenti” che tanti bimbi riservano ai propri cani tenderà a cercare una sistemazione più tranquilla: non ha la pazienza eroica di altri cani soprattutto molossoidi.
Non amano essere lasciati per troppo tempo da soli, hanno bisogno di un contatto molto intenso con i propri padroni.
È una razza tendente ad ingrassare e oltretutto molto golosa, si consiglia di tenere sotto controllo i suoi voraci appetiti.

Controlla sul nostro sito le nuove cucciolate, con o senza pedigree.





Il blog di My Pet > Le recensioni dei nostri clienti: Simona G

Le recensioni dei nostri clienti: Simona G

Share on Facebook
Tweet
"Da poco tempo abbiamo adottato un cucciolo di Shiba Inu consigliato dai ragazzi di
My Pet, il servizio da loro è stato ottimale sia nella descrizione caratteriale del
cane che si sposava in pieno con le nostre richieste, sia nel post vendita curando
ogni particolare e non lasciandoci mai soli in quanto è il nostro primo cane.
Consigliamo a chiunque il punto vendita di My Pet presso il CC Euroma2."

Il blog di My Pet > I nostri partner: ONLUS AIDA&A

I nostri partner: ONLUS AIDA&A

Ospiti al Puppy Purty

Share on Facebook
Tweet
In occasione dell'evento Puppy Party, in programma il 2 e il 3 dicembre presso il C/c La Romanina ospiteremo gli amici della A.I.D.A.&A. O.N.L.U.S, presente con un loro stand dove potrete conoscere loro, la loro attività e dei cuccioli pronti per essere adottati
.
L’A.I.D.A.&A. O.N.L.U.S. – Associazione Italiana Difesa Animali & Ambiente è una Associazione senza finalità di lucro, autonoma, apolitica ed apartitica, nata per opera ed iniziativa di un gruppo fondatore. L’associazione si prefigge di perseguire la protezione degli animali e la prevenzione e repressione del loro maltrattamento, nonché la tutela dell’ambiente naturale.

Le attività dell’Associazione si sviluppano sul territorio di Lazio, Molise, Campania e Liguria attraverso il coinvolgimento di un numero diversificato di volontari. In particolare si insistono su: assistenza alimentare e sanitaria ad altri rifugi in difficoltà, affidamenti, adozioni, sterilizzazioni, colonie feline, interventi formativi in collaborazione con istituti scolastici.