My Pet Store
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Il blog di My Pet

Il blog di My Pet > Il gatto Ragdoll: aspetto fisico e carattere

Il gatto Ragdoll: aspetto fisico e carattere

Scopri le razze feline con My Pet

Share on Facebook
Tweet
IL  GATTO RAGDOLL: STORIA

Questa razza è originaria del Nord America ed è una relativamente recente, avendo avuto riconoscimento ufficiale solo negli anni '60 del secolo scorso. I gatti Ragdoll sono stati selezionati a partire da un esemplarei di Angora e da un Birmano. Le prime cucciolate sono state ulteriormente affinate scegliendo i mici dal carattere più calmo e mansueto, dando così vita a una razza considerata come la "più tranquilla" al mondo.
Questa caratteristica l'ha portato a rapida diffusione in primo luogo negli Stati Uniti e successivamente alla sua scoperta anche in Europa.

GATTO RAGDOLL: ASPETTO FISICO

Questi gatti appartengono a quelli "over size", contendendosi il trono con i Maine Coon. Il peso medio è infatti di 5 kg per le femmine e fino a 8 kg per i maschi. Tratti distintivi del Ragdoll sono  gli occhi celesti
 grandi e magnetici) e il folto pelo semilungo. Questo è più corto sulle zampe e più folto sul collo. Sul viso è presente una macchia di pelo bianco a forma di "V". La coda è pelosa. Il collo inoltre è circondato da una "corona" di pelo più folto chiamata  gorghiera. I colori del pelo ammessi dallo standard sono: seal point, blue point, chocolate point, liliac point. Il pelo deve essere spazzolato ogni due o tre giorni per evitare nodi. Appena nato il gatto è completamente bianco per poi assumere la colorazione definitiva.
La vita media è tra i 15 e i 18 anni.

CARATTERE DEL GATTO RAGDOLL


Quelli di questa razza sono gatti che hanno un forte bisogno di contatto con il padrone. Non sono fatti per la solitudine e questa è l'unica avvertenza che chi vuole prenderli con sé deve considerare. Sono stati selezionati per avere un'indole tranquilla, pacifica, quasi indolente. Nel contempo cercherà sempre di interagire con il suo padrone. Una curiosità: spesso sono molto...permalosi ! Se gli fate un torto resterà sulle sue finchè non deciderà di perdonarvi !
La tranquillità del carattere, il essere tendenzialmente sedentario gli ha conferito il suo nome che tradotto in italiano significa letteralmente " bambola di pezza".

Sei interessato a questa razza?
Controlla su nostro sito web la disponibilità di esemplari di Radoll

https://mypetstore.it/cuccioli-gatto





Il blog di My Pet > Il Gatto Certosino

Il Gatto Certosino

Scopri con MY PET caratteristiche e aspetto fisico

Share on Facebook
Tweet
Il gatto certosino è un felino dalla storia molto antica, le cui prime testimonianze scritte risalgono al 16° secolo. Il suo nome potrebbe derivare dall'essere i gatti tradizionalmente utilizzati dai monaci dell'omonimo ordine per proteggere le derrate alimentari dai topi. Altre fonti lo danno invece portato in Europa dai crociati al termine delle campagne militari in Terra Santa, dando alla quindi alla razza origini orientali.

ASPETTO DEL GATTO CERTOSINO


Questa razza ha un pelo molto soffice e di colore grigio tendente al blu. AI fini della definizione dello standard della razza sono ammesse tutte le tonalità di grigio, con l'unico divieto della presenza di macchie o striature. Alla nascita sono presente delle leggere striature che però sfumano con il crescere.
Gli occhi sono tondi e dal tipico color rame.  Le zampe sono corte e dalla caratteristica forma rotondeggiante. Sorreggono una struttura muscolosa e un primo sguardo possono sembrare esili rispetto al resto del corpo. Spalle e petto sono robuste. Il peso medio per questo gatto dalla taglia medio grande è tra i 6 agli 8 kg.  La coda è lunga e dal pelo folto. Il gatto certosino ha una vita media di 14 anni.

CARATTERE DEL GATTO CERTOSINO

Hanno un aspetto che ricorda quello di un peluche e verrebbe da coccolarli e stringerli tutto il tempo. Tuttavia questi mici, pur estremamente affettuosi e legati al padrone da un rapporto strettissimo, tendono a ritagliarsi dei momenti di solitudine come e più delle altre razze. Il rapporto con il padrone è talmente intimo da fargli attribuire il soprannome di gatto-cane. Amano giocare, anche se vige il principio per il quale è lui a decidere quando. Sono solitamente animali silenziosi, miagolano raramente e in famiglia convivono con altri animali senza particolari problemi



Il blog di My Pet > Gatto del Bengala

Gatto del Bengala

Carattere,aspetto e allevamento

Share on Facebook
Tweet
Il gatto del Bengala è una razza felina dal riconoscimento relativamente recente (1991) nonché il più famoso esempio di incrocio tra una gatti domestici e selvatici.

Due sono le caratteristiche peculiari di questa razza: il pelo maculato e il loro amare l'acqua. Stanno inoltre andando incontro a una rapida diffusione, sia in Europa sia negli Stati Uniti.

CARATTERISTICHE FISICHE E ASPETTO DEL GATTO DEL BENGALA

I gatti del Bengala sono di dimensioni importanti, i maschi arrivano a pesare 9 kg mentre le femmine possono arrivare a 6 kg, La coda, di media lunghezza, è tozza e termina con una porzione di pelo nera. Il loro volto è molto espressivo, con occhi tondi. Il colore del pelo, corto e aderente al corpo, può variare da esemplare ad esemplare, avendo come tonalità di base i colori classici del leopardato. Sono inoltre ammesse varianti del pelo con striature. Zampe robuste sostengono una struttura agile. L'aspettativa di vita media è di circa 15 anni.

Il CARATTERE DEL GATTO DEL BENGALA

Seppur con un carattere non propriamente mansueto, retaggio delle suo avo selvatico, si tratta di una razza assolutamente adatta alla vita domestica e non è privo di grandi slanci di affetto. A partire dalla terza generazione la componente selvatica passa in secondo piano. Mantiene tuttavia un carattere esuberante ed è bene che in casa abbia degli spazi a lui dedicati: ama arrampicarsi, saltare e giocare alla caccia. Il suo sangue selvatico non impedisce che ami molto la compagnia dei suoi padroni e soffra la solitudine.