Ogni padrone si è trovato nella situazione di vedersi osservato con insistenza dal proprio cane senza saperne il perché.

Dietro questo comportamento in primo luogo vi è il rapporto di forte empatia che si crea tra uomo e cane: questo ci si rivolge per le sue necessità o per un bisogno di contatto visivo.  Dietro quel fissarvi ci può essere la richiesta di essere portato a passeggio, di cibo o acqua, più semplicemente di attenzioni. Può inoltre essere sintomo del disagio che il cane avverte in voi, se gli sembrate tristi e in collera: in questo caso si tratta solo di rispondere alla domanda "cosa ha la mia famiglia".

Il cane quindi trova risposta al suo bisogno di comunicare con lo sguardo, in una forma ancora più forte del semplice abbaiare. La maggior parte delle persone da parte loro con il tempo comincia a capire i bisogni del proprio cane da piccoli indizi, segnali, posizioni del corpo e appunto dal contatto visivo. Tutto ciò altro non è che parte del profondo legame che c'è tra uomo e cane.

Maggiori informazioni sulla stato d'animo del vostro cane si possono ricavare osservando le sue pupille.  Se sono ben aperte abbiamo un cane in stato di eccitazione o di paura, Se sono per lo più chiuse l'esemplare è calmo. Se notiamo rapidi battiti di ciglia o di contro eviterà il vostro sguardo il cane sarà insicuro sul da farsi, si sentirà colpevole di qualcosa o vorrà evitare di eseguire un comando.

Fare infine ben attenzione a quei cani che vi fissano con le orecchie portate avanti vicino alle tasta, mostrando i denti e con il pelo ritto.  In questo casi ci si trova di fronte a un cane che mostra la sua aggressività.  In presenza di questi segnali è importante evitare di sostenerne lo sguardo: un gesto simile sarà letto come un'accettazione della sfida e la situazione potrebbe precipitare

Per ogni dubbio sul comportamento del vostro cani potete rivolgervi allo staff veterinario di My Pet.

https://mypetstore.it/contatti